Libia, Buccino: Haftar vuole vincere con le armi, accordo lontano

Coa

Roma, 30 lug. (askanews) - La possibilità di un "accordo" per la sulizione delal crisi in Libia è ancora "lontana" perché il generale Khalifa Haftar "valuta tuttora di poter vincere con le armi". E' quanto ha detto l'ambacsiatore italiano a Tripoli, Giuseppe Buccino Grimaldi, in un'intervista al Corriere della Sera. "La strada resta in salita per la Libia. La guerra continua e anche il recente colloquio a Bengasi tra il maresciallo Khalifa Haftar e l'inviato dell'Onu Ghassan Salamé lascia poche prospettive di accordo per il momento con il campo di Fayez Sarraj a Tripoli", sostiene il diplomatico italiano.

"Da quello che si è capito, Haftar valuta tuttora di poter vincere con le armi. Noi comunque insistiamo per favorire la pacificazione del Paese con la convinzione che la via della forza non possa che causare danni gravissimi a tutti", aggiunge Buccino.(Segue)