Libia, Cavusoglu: Haftar vuole la guerra, vanifica processo Berlino

Sim

Roma, 14 gen. (askanews) - Il generale libico Khalifa Haftar "vuole la guerra" e "se continua così, non ha più senso il processo di Berlino": è quanto ha detto il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, commentando la decisione del generale di lasciare Mosca senza firmare l'accordo di cessate il fuoco negoziato da Russia e Turchia, sottoscritto ieri dal governo di accordo nazionale del premier Fayez al Sarraj. Per domenica prossima è prevista a Berlino una conferenza internazionale per rilanciare il processo politico per una risoluzione della crisi libica.

"La decisione di Haftar di non firmare l'accordo di tregua dimostra chi vuole la guerra e chi vuole la pace - ha detto Cavusoglu, citato dai media turchi - sotto la leadership del nostro presidente, la Turchia ha fatto la sua parte per un cessate il fuoco e continuerà a farlo".