Libia, deputata rapita a Bengasi. Onu chiede indagini

Fth

Roma, 18 lug. (askanews) - Siham Sergewa, una deputata del parlamento libico con sede nell'est nota per le sue posizioni contro lo spargimento di sangue tra gli antagonisti libici, è stata "rapita" ieri da un gruppo armato che ha aggredito marito nella città di Bengasi. Lo hanno detto i parlamentari e la missione delle Nazioni Unite (Manul) nel Paese Nordafricano.

L'Assemblea eletta dei Deputati, ha la sua sede a Bengasi, città nell'est della Libia e roccaforte delle forze del maresciallo Khalifa Haftar. La missione Onu ha invitato oggi "le autorità a indagare sull'attacco alla casa di Siham Sergewa, alla sua sparizione forzata e a rivelare il luogo in cui si trova", come ha riportato il portale al Wasat. (Segue)