Libia, Di Maio: Dobbiamo recuperare,sì a dialogo con tutte ... -2-

Fco

Roma, 19 dic. (askanews) - "Non possiamo far finta di non vedere che la situazione è complessa e che con il passare degli anni non è migliorata, anzi", ha aggiunto il titolare della Farnesina. "E in questa cornice bisogna percorrere, come ho già detto, la via della franchezza: sederci tutti a un tavolo, includendo i Paesi confinanti con la Libia che come noi pagherebbero un prezzo molto alto dall'aggravarsi del conflitto per fare in modo che i libici possano finalmente avere un futuro. Stabilizzare la Libia significa mettere in sicurezza anche il nostro Paese, la regione mediterranea e, in ultima analisi, l'Europa intera".

Secondo Di Maio, "l'unica soluzione alla crisi libica è politica e non può prescindere dal dialogo con tutte le parti. Non si tratta di equidistanza, ma di realpolitik. L'Italia può giocare un ruolo importante, bisogna avere il coraggio di andare avanti e promuovere soluzioni condivise con i partner Ue".

Al ministro degli Esteri italiano, Serraj ha detto che il governo di Tripoli è pronto "a fare dei passi avanti, se a farli è anche la controparte". Ad Haftar, ha proseguito Di Maio, "ho chiesto lo stesso e conto di rivederlo prossimamente a Roma. Haftar un ruolo ce l'ha, non sono io a riconoscerlo ma i fatti e questo non si può ignorare".(Segue)