Libia: Draghi, 'in Ue non c'è più approccio nazionale, si marcia su stessa linea'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 23 giu. (Adnkronos) – "In Libia non è che non abbiamo carte da giocare, le abbiamo come gli altri attori che vogliono essere coinvolti in quella parte del mondo. Quello che si sta cercando di fare è sollecitare l'azione dell'Ue sotto egida delle Nazioni Unite e vedere se gli Stati Uniti possono essere coinvolti a quel punto, nella consapevolezza che si tratta di una sfida troppo grande per essere affrontata da paesi singoli Paesi". Così il premier Mario Draghi, nella replica in Aula al Senato sulle comunicazioni in vista del Consiglio europeo.

"Ricordate – ha proseguito- quando c'erano paesi europei che ritenevano di avere una loro strategia nazionale in Libia? Non ne parlano più, stanno cercando di ridurre la loro presenza nel Sahel e si va verso una azione concordata e collettiva. Eravamo concorrenti ma oggi non si parla più di questo. Si procedeva in ordine sparso e ci danneggiavamo, oggi non si parla più di posizioni diverse, si discute e si marcia tutti sulla stessa linea".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli