Libia, Gasparri: irrilevanza italiana evidente e sconfortante

Pol/Luc

Roma, 7 gen. (askanews) - "La irrilevanza italiana sullo scenario internazionale è drammatica, evidente, sconfortante. Se, del resto, metti alla guida del Governo il primo che passa, ovvero un tal Giuseppe Conte, e se affidi il Ministero degli Esteri ad uno che non sa neanche in quale regione stia Matera, è ovvio che finisca poi così. L'Italia dovrebbe occuparsi soprattutto della Libia, cortile di casa nostra, storicamente parlando. Rispettandone l'indipendenza ma seguendo l'evoluzione dei fatti politici. E invece assistiamo a scorribande turche e russe, con l'Italia completamente tagliata fuori da tutto. Inutile rivendicare la giustezza delle politiche del passato nei confronti di Gheddafi, quando Berlusconi, all'insegna della realpolitik, tutelava gli interessi italiani, libici ed europei. Nell'attesa di avere un Governo decente, bisogna comunque confrontarsi con quello che c'è. Ed è urgente farlo in Parlamento, anche in riferimento all'impegno dei nostri militari, che sono comunque presenti già in Libia e che sono presenti in Iraq e altrove. Chiediamo un confronto immediato sull'impiego dei militari italiani, sulle strategie del nostro Paese, e vorremmo farlo con il Ministro della Difesa visto che parlare di queste cose con Di Maio è assolutamente inutile. A quest'ultimo regaleremo un Atlante, perché impari quali siano i Paesi del mondo. Che vergogna averlo al Ministero degli Esteri". Lo dichiara il senatore Fi Maurizio Gasparri.