Libia, Ghribi (San Donato): "No ricostruzione senza rilancio sanità, noi pronti"

·1 minuto per la lettura

“Non può esserci ricostruzione senza la ricostruzione ed il rilancio della sanità e la cura efficiente dei cittadini. È uno sforzo epocale, ma possibile. Noi siamo pronti e siamo al fianco del governo e del popolo libico". E' quanto ha dichiarato all'Adnkronos il presidente di Gksd investment holding e vicepresidente del gruppo San Donato, Kamel Ghribi, dopo aver incontrato, a margine del Business Forum alla Farnesina, il premier libico Abdul Hamid Dbeibah, la ministra degli Esteri Najla El Mangoush, dell'Economia Mohammed Ali Al Huej e della Salute Ali Muftah Zenati.

Nel corso degli incontri sono stati affrontati i temi della collaborazione in materia sanitaria tra Italia e Libia come questione essenziale del rapporto tra i due Paesi. “Il gruppo San Donato - ha aggiunto Ghribi - intende offrire tutto il proprio supporto, l’esperienza dei propri medici, il talento dei propri ricercatori per la cura dei libici, per il trasferimento del know how necessario all’indipendenza sanitaria della Libia".

Il Gruppo San Donato è pronto a supportare la Libia anche nell’opera di ricostruzione fisica delle strutture devastate durante gli anni del conflitto e dare consigli sulla più efficiente gestione delle nuove strutture secondo criteri di managerialità che possano dare la maggiore efficienza e sostenibilità nelle cure al paziente e alla tenuta dell’intero sistema sanitario.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli