Libia, Guerini: con tregua possibile rimodulazione presenza... -2-

Mos

Roma, 15 gen. (askanews) - Perché questa condizione si realizzi, secondo Guerini, è anche "cruciale per evitare il riaccendersi degli scontri", che venga fermato il flusso di armi che alimenta le fazioni in lotta. In questo senso, la missione europea Sophia, "attualmente congelata e su cui si dovrà assumere una decisione a fine marzo", già operava per implementare la risoluzione Onu sull'embargo alle armi. Per questo motivo, Guerini ritiene che "vada fatto ogni sforzo affinché le navi tornino a svolgere questo compito essenziale che potrebbe diventare un punto focale dell'operazione".

In ogni caso, ha proseguito Guerini, anche se è ancora presto per prevedere i dettagli su una riconfigurazione delle presenza in Libia, "posso assicurare che la Difesa sarebbe in grado di garantirla, mantenendo anche i compiti attuali in una chiave operativa congrua con compiti di monitoraggio e di rispetto di cessate-il-fuoco". (Segue)