Libia, Haftar ad Atene

webinfo@adnkronos.com

Il generale Khalifa Haftar, capo dell'autoproclamato Esercito nazionale libico, è ad Atene per colloqui in vista della Conferenza di Berlino sulla Libia in programma domenica e dalla quale la Grecia è stata esclusa. I colloqui rientrano negli sforzi per raggiungere un accordo sul cessate il fuoco in Libia, dove l'offensiva lanciata lo scorso 4 aprile dalle forze di Haftar su Tripoli ha causato l'uccisione di oltre 280 civili e duemila combattenti. 

La Grecia si opporrà a qualsiasi documento emergerà dalla Conferenza di Berlino sulla Libia se prima non verrà annullato l'accordo raggiunto tra il governo di Tripoli del premier Fayez al-Serraj e le autorità di Ankara sui confini marittimi, ha detto il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis, citato dal quotidiano 'Proto Thema'. 

Nel corso di un'intervista con l'emittente Alpha tv, Mitsotakis ha riferito di aver scritto alla cancelliera tedesca Angela Merkel, chiedendo di spiegare le motivazioni per cui la Grecia non è stata invitata alla Conferenza di Berlino che si terrà domenica. La Turchia, ha proseguito il premier greco, ''è isolata'' e sta agendo in modo ''provocatorio'', mentre la Grecia mantiene ''alleanze forti a livello internazionale''. 

Intanto il governo di accordo nazionale di Tripoli del premier Fayez al-Serraj ha chiesto alla Germania di invitare la Tunisia e il Qatar a partecipare alla Conferenza di Berlino. Lo riporta l'emittente al Ahrar, spiegando che il ministero degli Esteri libico ha inviato una lettera all'ambasciata tedesca a Tripoli con la richiesta.