Libia, inchiesta Ap: le milizie si arricchiscono con i fondi Ue

Sim

Roma, 31 dic. (askanews) - Milioni di euro che l'Unione europea ha inviato in questi anni in Libia con l'intento di migliorare le condizioni dei centri di detenzione per i migranti e combattere il traffico di esseri umani sono invece finiti nelle tasche di miliziani, trafficanti e membri della Guardia costiera libica che sfruttano i migranti. E' quanto denuncia l'agenzia di stampa americana Associated Press.

Nella lunga inchiesta pubblicata oggi, l'Ap ricorda che l'Ue ha inviato più di 327,9 milioni di euro in Libia, a cui si aggiungono i 41 milioni approvati all'inizio di dicembre. Soldi che sono arrivati nel Paese del Nord Africa attraverso le agenzie Onu. Ma "in un Paese senza un governo che funzioni, grosse somme del denaro europeo sono state distratte a favore di reti connesse di miliziani, trafficanti e membri della Guardia costiera che sfruttano i migranti". (Segue)