**Libia: Italia, Gb, Francia, Usa e Germania, 'elezioni passo essenziale per stabilità'**

·1 minuto per la lettura

Le elezioni in programma in Libia il 24 dicembre sono un "passo essenziale" per rafforzare ulteriormente "l'unità e la stabilità del Paese" ed i risultati dovranno essere "accettati da tutti". Lo hanno scritto le ambasciate in Libia di Italia, Francia, Gran Bretagna, Germania e Stati Uniti in una nota congiunta.

Nel comunicato si elogiano le autorità del governo di unità nazionale per la conferenza sulla stabilizzazione che si è tenuta il 21 ottobre e per la quale esponenti di governo di tutto il mondo sono venuti a Tripoli per esprimere il loro sostegno "alla sovranità, all'indipendenza e all'integrità territoriale" della Libia. Inoltre, si legge nella nota, la conferenza "ha permesso al mondo di riconoscere il grande potenziale della Libia se la sua traiettoria positiva dovesse continuare verso lo svolgimento delle elezioni presidenziali e parlamentari il 24 dicembre".

Le ambasciate dei cinque Paesi occidentale hanno quindi espresso la loro visione comune a quella delle autorità libiche "nel respingere l'ingerenza straniera negli affari libici, incluso il ruolo divisivo e destabilizzante svolto da mercenari, combattenti stranieri e forze straniere". Hanno ribadito infine il loro impegno a cooperare con la Libia "su importanti sfide condivise come l'immigrazione, il terrorismo, i cambiamenti climatici e la protezione dell'ambiente".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli