Libia, Migliore (Iv): serve iniziativa per arginare egemonia turca

Pol-Afe

Roma, 10 giu. (askanews) - "In Libia abbiamo bisogno di un'iniziativa che non parli solo agli interlocutori libici ma che vada direttamente all'origine della questione. E cio al rapporto con la Turchia". Lo ha dichiarato Gennaro Migliore, capogruppo di Italia Viva in Commissione Esteri, nella replica al question time con il ministro Di Maio, a proposito della richiesta del collega Massimo Ungaro di tutelare l'interesse dell'Italia in Libia.

"Oggi - ha spiegato - il tentativo egemonico della Turchia sul Mediterraneo orientale rappresenta una grave minaccia di instabilit per tutta la regione. E il fatto che vi sia stato un via libera e una violazione sistematica dell'embargo delle armi, rende ancora pi importante l'iniziativa della missione Irini, che dovrebbe garantire l'effettivo embargo delle armi alle fazioni in guerra. Ritengo allo stesso tempo ci debba essere un'iniziativa pi forte, perch la strada dell'intesa raggiunta a Berlino non l'unica possibile. Ritengo si debba fare di pi e cio qualcosa che possa superare un paradosso: ovvero trovarci completamente fuori dal quadrante libico, pur essendo stati i primi a sostenere il governo di Al-Serraj l, di fatto lasciando tutto il campo a Erdogan. I nostri interessi nazionali vanno difesi, anche alla luce delle minacce concrete che segnalano la presenza di terroristi, compresi Foreign Fighters provenienti dalla Siria".

"La Libia allo stato non ha n sovranit n unit nazionale e il rischio che diventi definitivamente uno stato fallito, simile alla tragica situazione somala, concreto", ha concluso.