Libia, ministro Esteri di Haftar: non bloccheremo gas a Italia -2-

Mos

Roma, 31 gen. (askanews) - Per quanto riguarda però la possibilità che venga bloccato anche il terminal Eni di Mellitah, Lawheej rassicura: "Non credo. Non miriamo a colpire le risorse energetiche italiane. Con Roma c'è un rapporto storico, aprezziamo il lavoro dell'Eni".

Lahweej, che tra un paio di settimane sarà di nuovo a Roma, chiede che gli italiani capiscano che è "nel loro interesse" dialogare con Haftar. "Siamo gli unici in grado di garantire il blocco dei flussi migratori verso l'Italia. Negli ultimi anni gli italiani hanno pagato 360 milioni di euro al governo Sarraj per fermare le migrazioni. Soldi sprecati".

Per quanto riguarda invece la presenza turca a sostegno del governo Sarraj, Lahweej indica un'attitudine bellicosa del fronte di Haftar: "Siamo pronti a combattere contro i turchi. Non li temiamo".