Libia, Mosca nega l'invio di "mercenari russi" nel Paese

Fth

Roma, 7 nov. (askanews) - Mosca ha negato oggi le notizie diffusa da media americani sull'arrivo di circa 200 mercenari russi negli ultimi due mesi in Libia, dove si sospetta che la Russia sostenga le forze antigovernative del generale Khalifa Haftar.

Ieri, il quotidiano americano New York Times ha riferito dello spiegamento in Libia di quasi 200 mercenari del gruppo Wagner, una compagnia di sicurezza privata russa la cui presenza è stata segnalata anche in diversi paesi in Africa e in Siria. Secondo il quotidiano, questa maggiore presenza russa potrebbe ribaltare l'esito del conflitto civile a favore di Khalifa Haftar, l'uomo forte della Libia orientale nell'offensiva contro il governo libico di unità nazionale (GNA) riconosciuto da ONU.(Segue)