Libia, ong chiedono la chiusura dei centri di detenzione migranti -3-

Sim

Roma, 1 ago. (askanews) - Nonostante la crescente preoccupazione internazionale sull'uso ripetuto della detenzione arbitraria, l'Europa e le Nazioni Unite sono venute meno al loro impegno di mettere in atto i necessari meccanismi per aumentare le ricollocazioni e le evacuazioni in accordo con gli standard umanitari e del diritto internazionale, hanno denunciato le ong. Per oltre un anno, i media internazionali hanno mostrato al mondo le continue proteste di persone intrappolate in condizioni disumane, persone che chiedono l'intervento di Unhcr e Iom, le agenzie delle Nazioni Unite il cui mandato è proprio fornire protezione a rifugiati e migranti. Le Nazione Unite devono fare un passo avanti e garantire loro piena protezione. (Segue)