Libia, Onu: continuano forniture armi alle fazioni in lotta -3-

Mgi

Roma, 26 gen. (askanews) - Il cessate il fuoco instaurato il 12 gennaio scorso su iniziativa di Russia e Turchia rimane precari: è stato formalmente firmato dal Gna ma non da Haftar, e le due parti si accusano vicendevolmente di aver violato la tregua.

Dal 4 aprile corso la guerra è arrivata ormai alle porte di Tripoli: Haftar, sostenuto da Egitto ed Emirati Arabi, ha lancioato un'offensiva per la conquista della capitale nonché sede del Gna, appoggiato invece dalla Turchia. (Segue)