Libia: Pd chiede a Di Maio di riferire in Parlamento

"Siamo molto preoccupati per il via libera da parte del parlamento turco all'invio di truppe in Libia. Si tratta di una decisione che aumenta esponenzialmente il rischio di un conflitto aperto in un paese già fragile e destabilizzato. Noi ribadiamo convintamente che per la Libia non c'è una soluzione militare". Lo dichiarano in una nota congiunta i deputati Pd Lia Quartapelle, capogruppo in commissione Esteri di Montecitorio ed Enrico Borghi, membro del Copasir e commissione Difesa di Montecitorio.

"Era sbagliato pensare nel 2011 che l'intervento armato risolvesse tutti i problemi, ed e sbagliato oggi pensare all'intervento militare come a una scorciatoia. E' ancora piu' necessario che l'Europa intervenga per trovare una soluzione politica al conflitto. Chiediamo, unitamente al nostro capogruppo Graziano Delrio, che il ministro Di Maio venga a riferire in Aula dopo la missione europea da lui organizzata per il 7 gennaio che è al momento l'unica proposta concreta per far riprendere una necessaria iniziativa comune europea", concludono i deputati dem.