Libia, Pinotti (Pd): lavoriamo a cessate fuoco

Pol/Vlm

Roma, 15 gen. (askanews) - "Il dibattitto sulla politica estera non dovrebbe scadere sui posizionamenti in politica interna. Il contributo dell'Italia sullo scenario internazionale dovrebbe stare a cuore a tutti, come tutti dobbiamo essere preoccupati per la situazione: il Mediterraneo può diventare il principale epicentro dell'insicurezza mondiale e la stabilità della Libia è un interesse primario del nostro Paese. Per questo è stato un errore che il governo giallo-verde si sia concentrato solo sui migranti, abbandonando le azioni portate avanti dai governi precedenti. Gli attacchi della Lega su questo sono ridicoli, riappropriamoci dei caposaldi di coerenza e continuità indispensabili in politica estera". Lo ha detto la senatrice del Pd Roberta Pinotti, responsabile nazionale sicurezza per i dem, nel suo intervento in Aula.

"E' necessario lavorare come stiamo facendo per il cessate il fuoco - ha proseguito Pinotti - ma questo va inserito in un progetto per la ricostruzione sociale, civile economica della Libia, attraverso un piano europeo, al quale l'Italia può dare un grande contributo. Senza dimenticare che anche in Libia, in particolare a Derna e a Sirte, i combattenti locali sono stati fondamentali nella battaglia contro il Daesh e che il rischio terrorismo è ancora attuale".