Libia: portavoce Haftar, il missile sequestrato in Italia era per le milizie di Misurata

 

Il missile aria-aria sequestrato in Italia, dalla Digos di Torino, "era destinato ad armare i caccia Mirage F-1 delle milizie di Misurata" che combattono per il Governo di accordo nazionale di Tripoli. E' quanto ha sostenuto Ahmad al-Mismari, portavoce dell'Esercito nazionale libico guidato dal maresciallo Khalifa Haftar, durante una conferenza stampa.     

"L'interesse del Qatar non è portare missile in Italia ma farli arrivare in Libia e in questo ha fallito", ha dichiarato l'esponente della forza armata della Cirenaica che ha espresso "preoccupazione per la fornitura di armi dal Qatar alle milizie libiche".    L'accusa di al-Mismari è che "organizzazioni italiane legate alla mafia armano le milizie terroristiche in Libia". L'uomo di Haftar ha chiesto quindi un intervento della comunità internazionale contro il fenomeno.