Libia, portavoce Haftar: soluzione passa per fucili, non conferenze -2-

Fco

Roma, 27 gen. (askanews) - Ha spiegato che l'attacco di Abu Grein, che ha provocato la morte di oltre 20 dei combattenti di Haftar e altri feriti, era un'azione preventiva che mirava a "verificare il potere delle milizie" e a impedire loro di avanzare, sostenendo che non fosse una violazione del cessate-il-fuoco.

Al Mismari ha affermato che le ultime dichiarazioni di Erdogan su Haftar sono state una violazione del cessate-il-fuoco e una provocazione alle "forze armate arabe libiche". Nel frattempo, il Consiglio presidenziale libico ha invitato i Paesi e le organizzazioni partecipanti alla conferenza di Berlino ad assumersi le proprie responsabilità contro le ripetute violazioni del cessate-il-fuoco da parte delle forze di Haftar.(Segue)