Libia, sindaco Mazara chiede soluzione diplomatica su acque di pesca -2-

Sim

Roma, 25 lug. (askanews) - "Comprendiamo che la situazione libica è molto delicata ma il Governo italiano e le Autorità internazionali debbono affrontare questa problematica a tutela della sicurezza e del lavoro dei nostri pescatori", ha scritto il sindaco.

Stessa posizione espressa dal presidente di Federpesca, Luigi Giannini, subito dopo il sequestro del peschereccio 'Tramontana', due giorni fa: "E' ormai urgente una presa di posizione del governo italiano sulla qualificazione giuridica delle acque sulle quali la Libia rivendica la sovranità economica. Una posizione netta e incontrovertibile alla luce del diritto internazionale marittimo e che rappresenti una chiara indicazione per le imprese che dal mare traggono reddito e occupazione".