Spari contro pescherecci siciliani in Libia, comandante: "Ancora spaventati"

(Adnkronos) - "Siamo arrivati stamane alle 8 al porto di Aci Trezza. Siamo ancora spaventati per quanto avvenuto. Una bruttissima esperienza che non ci aspettavamo". Lo afferma all’AdnKronos Mario Suaria, comandante dei due pescherecci della marineria 'trezzota', il 'Salvatore Mercurio' e 'Luigi Primo', finiti nel mirino di una motovedetta libica la sera del 2 giugno a largo di Bengasi durante una battuta di pesca d'altura. Dalle due imbarcazioni sono sbarcati dodici membri dell'equipaggio e presto saranno sentiti dagli investigatori dei carabinieri.

"Eravamo in acque internazionali - ricorda Suaria - e non stavamo facendo alcuna operazione di pesca perché eravamo alla deriva in attesa di andare a pescare fuori dalle acque territoriali libiche". "Ci hanno bersagliato con raffiche di kalašnikov - evidenzia infine il comandante- ci volevano speronare ma per fortuna e’ intervenuta una nave militare italiana che ci ha soccorso e la vedetta libica si e’ dileguata". Ieri, intanto, il Presidente della Federazione Armatori Siciliani, Fabio Micalizzi, ha inviato alla Procura di Roma la richiesta per l’apertura di un’indagine conoscitiva dei fatti.

(di Francesco Bianco)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli