Oltre 100 morti al largo della Libia. Sea Watch: "Ue ha negato soccorsi"

Fabio Luppino
·Ufficio centrale HuffPost
·2 minuto per la lettura
SENSITIVE MATERIAL. THIS IMAGE MAY OFFEND OR DISTURB    A dead migrant floats on the sea after his boat capsized with more than 100 migrants on board, during a search and rescue (SAR) operation in the Mediterranean Sea, off the Libyan Coast, April 22, 2021. Picture taken April 22, 2021. Flavio Gasperini/Sos Mediterranee/Handout via REUTERS ATTENTION EDITORS THIS IMAGE HAS BEEN SUPPLIED BY A THIRD PARTY. (Photo: FLAVIO GASPERINI via Via REUTERS)
SENSITIVE MATERIAL. THIS IMAGE MAY OFFEND OR DISTURB A dead migrant floats on the sea after his boat capsized with more than 100 migrants on board, during a search and rescue (SAR) operation in the Mediterranean Sea, off the Libyan Coast, April 22, 2021. Picture taken April 22, 2021. Flavio Gasperini/Sos Mediterranee/Handout via REUTERS ATTENTION EDITORS THIS IMAGE HAS BEEN SUPPLIED BY A THIRD PARTY. (Photo: FLAVIO GASPERINI via Via REUTERS)

Oltre 100 migranti sono annegati al largo della Libia. L’allarme arriva da Francesco Creazzo di Sos Mediterranee che ricostruisce la tragica giornata di ieri, quando Alarm Phone ha lanciato l’allerta “alle autorità e alla Ocean Viking” su tre barche in pericolo: una con 40 persone, “mai rintracciata”, e due gommoni con a bordo tra le 100 e le 120 persone ciascuno. Il primo è stato ritrovato ribaltato. “Abbiamo avvistato dieci corpi - ha detto Creazzo - ma il mare era molto mosso, impossibile ci siano sopravvissuti”. L’altro è stato riportato in Libia dalle autorità: a bordo i cadaveri di una mamma e del suo bimbo.

“Centotrenta persone annegate. Le autorità dell’Ue e Frontex sapevano della situazione di emergenza, ma hanno negato il soccorso. La Ocean Viking è arrivata sul posto solo per trovare dieci cadaveri” scrive su Twitter Sea-Watch International, l’ong impegnata nel salvataggio di migranti nel Mar Mediterraneo, pubblicando una foto dell’equipaggio della Sea Watch 4 che ha osservato un momento di silenzio per commemorare le persone morte “in questo scioccante incidente”.

“Naufragio al largo della Libia. Altri morti, altro sangue sulla coscienza dei buonisti che, di fatto, invitano e agevolano scafisti e trafficanti a mettere in mare barchini e barconi stravecchi, anche con pessime condizioni meteo. Una preghiera e tanta rabbia” twitta il leader della Lega, Matteo Salvini. “Un uomo senza vergogna” replica Matteo Orfini, sempre via Twitter. “Non basta dire ’mai piu davanti al naufragio costato oggi la vita a 130 persone nel Mediterraneo.
Se come europei vogliamo essere all’altezza dei valori che predichiamo, si evitino le speculazioni e si aprano corridoi umanitari europei per evitare le stragi in mare” twitta Lia Quartapelle (Pd).

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Nel racconto di Sos Mediterranee,...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.