Libia, ultima chance

Umberto De Giovannangeli

Centinaia di morti, oltre 16mila sfollati. In Libia è sempre più guerra civile tra le forze fedeli al governo nazionale di Fayez al Sarraj e quelle del generale Khalifa Haftar. Una guerra che si combatte ormai alle porte di Tripoli. E il bilancio delle vittime è salito a 121 morti e 561 i feriti. Lo riferisce l'Organizzazione mondiale della sanità nel Paese nordafricano. Attacchi e controffensive, avanzate e ritirate, morti, feriti e centinaia di civili intrappolati: si fa sempre più cruenta la battaglia alle porte di Tripoli.

Il decimo giorno della guerra proclamata dal maresciallo è stato segnato da violenti scontri lungo l'asse a sudovest della capitale. Dopo una notte di combattimenti, i soldati dell'uomo forte della Cirenaica hanno sfondato le linee avversarie, avanzando a colpi di artiglieria, missili Grad e sostenuti dai raid aerei. Due le zone conquistate per diverse ore: quella di Suani ben Adem, 25 km a sudovest di Tripoli, e quella di Aziziya, una trentina di chilometri più a sud, lungo la direttrice che conduce a Zintan e Gharyan. Dopo ore di battaglia, lanci di razzi e vittime, soprattutto civili - almeno cinque gli uccisi, tra i quali una donna incinta - le milizie di Tripoli hanno lanciato il contrattacco e respinto i nemici a Suani ben Adem. Nel primo pomeriggio dal centro della cittadina si levavano dense colonne di fumo nero. Le truppe di Haftar sono state costrette alla ritirata, lasciando diverse unità di fanteria lungo la linea di un fronte frastagliato, lontane dalle retrovie. I soldati, a corto di munizioni, sparavano contro i tuwar nel tentativo di aprirsi una via di fuga. I soldati che difendono la capitale sono poi avanzati anche su Aziziya, strappando parte della città agli avversari. Sul campo, hanno riferito fonti attendibili, sono arrivate anche le temibili milizie di Zintan, protagoniste della cacciata di Muammar Gheddafi da Tripoli nel corso della rivoluzione del 2011 e pronte ora a combattere per la difesa della...

Continua a leggere su HuffPost