Libia, Unhcr rafforza l'assistenza a rifugiati nelle aree urbane -3-

Sim

Roma, 29 nov. (askanews) - Il Gdf è ora in condizioni di grave sovraffollamento: a fronte di una capacità di circa 600 persone, attualmente ne ospita quasi il doppio, molte delle quali da diversi mesi.

L'Unhcr, altre agenzie delle Nazioni Unite e i partner hanno fornito loro assistenza umanitaria, offrendo cure mediche, supporto psicosociale, pasti caldi e biscotti ad alto contenuto energetico. Tuttavia, la situazione presso il Gdf non è sostenibile e la struttura non funziona più come centro di transito, ostacolando la capacità dell'Unhcr di evacuare i rifugiati più vulnerabili per i quali sono state individuate soluzioni al di fuori della Libia, fuori dai centri di detenzione e in luoghi sicuri.

"Accogliamo con grande favore il rilascio di richiedenti asilo e rifugiati dai centri di detenzione da parte delle autorità libiche, e ora stiamo ampliando il nostro programma di assistenza nelle aree urbane affinché essi possano ricevere l'aiuto di cui hanno bisogno - ha dichiarato Jean-Paul Cavalieri - inoltre, stiamo esortando partner e donatori ad aumentare il sostegno ai migranti che vivono in aree urbane e ad altre comunità vulnerabili". (Segue)