Libia, Usa: basta interferenze straniere, favorire de-escalation

Sim

Roma, 11 gen. (askanews) - Gli Stati Uniti hanno espresso la "loro grave preoccupazione per le dannose interferenze straniere" in Libia, sottolineando l'importanza di "arrivare a una soluzione politica duratura che favorisca una de-escalation delle attività militari e tracci una rotta per un futuro migliore per tutti i libici". E' quanto si legge nel comunicato stampa diffuso oggi dall'Ambasciata Usa in Libia, riferendo degli incontri avuti "separatamente a Roma il 9 gennaio con il ministro dell'Interno Fathi Bashagha e il generale Khalifa Haftar".

Nella nota si precisa che la delegazione americana che ha incontrato le due parti libiche era composta dal vice consigliere per la sicurezza nazionale per il Medio Oriente e il Nord Africa, Victoria Coates, dall'ambasciatore per la Libia, Richard Norland, e dal Sottosegretario per il Maghreb e gli Affari egiziani, Henry Wooster. (Segue)