Libia, vicepresidente turco: se cessa conflitto, no invio truppe

Sim

Roma, 1 gen. (askanews) - La Turchia potrebbe non inviare truppe in Libia qualora cessasse il conflitto a Tripoli e la legge che il parlamento di Ankara è chiamato a votare domani, per autorizzare il dispiegamento dei militari accogliendo la richiesta del governo di accordo nazionale di Tripoli, avrà "un ruolo deterrente". E' quanto ha detto oggi il vicepresidente turco, Fuat Oktay, in un'intervista rilasciata all'agenzia di stampa Anadolu.

"Noi speriamo che (la legge) venga approvata. Il mandato avrà la durata di un anno e le truppe possono essere inviate qualora ce ne sia bisogno e nel numero necessario - ha detto il vicepresidente - noi speriano che non ce ne sia bisogno e che (la legge) abbia piuttosto un ruolo deterrente, in modo che le parti coinvolte comprendano bene il messaggio". (Segue)