Libri: '22 gradini per l'Inferno' di Orlando e Cavallaro, volume su serial killer italiani

webinfo@adnkronos.com

"Abbiamo studiato i serial killer italiani andando nel profondo, per misurare il loro grado di malvagità e porli nei 22 livelli della Scala del male, elaborata dallo psichiatra forense della Columbia University Micheal Stone. Non solo il modus operandi nella commissione dei delitti, ma le esperienze dell'infanzia, il contesto sociale, le psicopatologie che hanno sconvolto le loro menti e li hanno spinti a uccidere. Li abbiamo poi confrontati con gli assassini seriali americani". È questa, hanno spiegato i giornalisti Rita Cavallaro ed Emilio Orlando, la puntuale analisi contenuta nel nuovo libro "22 gradini per l'Inferno. I serial killer nella Scala del Male", edito da Male Edizioni di Monica Macchioni, scritto proprio dai due giornalisti.  

Il volume, un unicum nel suo genere, è stato presentato ieri al Plaza Hotel, nel corso di un evento che ha visto una grande partecipazione di pubblico e professionisti intervenuti al tavolo insieme agli autori. A moderare il dibattito il giornalista Giovanni Masotti, che ha alternato il noir allo humour nero e ha saputo scandire gli interventi dei relatori in una combinazione perfetta.  

Valerio de Gioia, giudice della Prima Sezione Penale del Tribunale di Roma e docente presso l’Istituto Superiore di Tecniche Investigative dell’Arma dei Carabinieri-Ufficio Addestramento di Velletri, ha parlato del ruolo del consulente tecnico nel processo penale sottolineando come la figura del criminologo venga utilizzata nel corso delle indagini preliminari come esperto e nella fase rieducativa della pena, ma non in quella dibattimentale. Poi Vincenzo Mastronardi, psichiatra e criminologo clinico alla Sapienza di Roma, tra i massimi esperti di serial killer italiani e statunitensi, che ha raccontato alcuni degli incontri con gli assassini che ha studiato nel corso della sua carriera.  

Mastronardi, che si è congratulato con Cavallaro e Orlando per aver accostato per la prima volta le figure dei serial killer italiani con i loro omologhi negli Stati Uniti in base al loro livello di malvagità, ha sottolineato come la Scala del Male sia uno strumento realistico ma ancora sconosciuto nel panorama psichiatrico forense del nostro Paese. Il super poliziotto Antonio Del Greco, ex dirigente della Sezione Omicidi della Squadra Mobile di Roma con all'attivo quasi 180 omicidi risolti, ha voluto approfondire le tecniche investigative che lo hanno portato a far confessare Pietro Negri, alias er Canaro della Magliana.  

Per concludere l'avvocato Cesare Placanica, presidente della Camera Penale di Roma, che negli anni '90 difese proprio Elvino Gargiulo, il mostro del Quadraro, di cui si parla anche nel libro, ha raccontato come anche un legale debba conoscere il contesto sociale e psicologico in cui un feroce omicida è nato e vissuto.  

Il libro che è stato scritto da Rita Cavallaro e Emilio Orlando, due cronisti che quotidianamente scrivono di cronaca nera e giudiziaria, è un viaggio reso con dovizia di particolari. Nell'opera vengono esaminati e raccontati particolari inediti e sconcertanti su tredici serial killer italiani. Una scia di morti che ha insanguinato l'Italia.