Libri: addio a Giancarlo DiTrapano, piccolo editore indipendente di successo negli Usa

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

New York, 16 apr. – (Adnkronos) – Lo scrittore statunitense Giancarlo Veazey DiTrapano, fondatore nel 2009 di Tyrant Books, che è riuscito a imporre giovani autori di successo con la sua piccola casa editrice indipendente negli Usa e poi con numerose traduzioni all'estero, è morto in un hotel di Manhattan all'età di 47 anni. La notizia della scomparsa, avvenuta lo scorso 30 marzo, è stata pubblicata oggi dal "New York Times" dopo la conferma della sorella Lia DiTrapano Fairless, senza però specificare la causa del decesso.

DiTrapano ha iniziato ad occuparsi di editoria con uno stage presso Farrar, Straus & Giroux a New York e poi ha frequentato i leggendari laboratori di scrittura dell'editor Gordon Lish, il padre del futuro scrittore Atticus Lish, lanciato proprio da Tyrant Books. Diventato un editor all'avanguardia, DiTrapano ha fondato nel 2006 una nuova rivista letteraria, "New York Tyrant", pubblicando scrittori come Tao Lin e Sam Lipsyte. Tre anni dopo ha creato Tyrant Books, un vero e proprio caso editoriale, pubblicando autori emergenti della scena americana, come Megan Boyle, Kim Chinquee, Sheila Heti, Clancy Martin, Annie DeWitt e Atticus Lish (il suo "Preparation For The Next Life" ha ottenuto il Pen Faulkner Award nel 2015). In poco tempo molti dei suoi libri sono stati opzionati da Hbo e da altri produttori hollywoodiani

Nel 2015 si è sposato con Giuseppe Avallone, scenografo e costumista di Salerno, che lo ha aiutato a trasformare la storica dimora di famiglia, un castelletto diroccato del '700 a Sezze Romano, in provincia di Latina, in una residenza per scrittori, dove DiTrapano trascorreva le estati da ragazzo. I corsi di 'Creative Writing' ideati da DiTrapano erano chiamati "Mors Tua Vita Mea" e sono stati laboratorio di nuove tendenze. Il nonno dell'editore, Luigi Di Trapano, emigrò da Sezze all'inizio del 1900 e lavorò in una miniera di carbone prima di tornare ad acquistare la proprietà settecentesca proprio a Sezze.