Libri: Claudio Sabelli Fioretti svela la 'sua' Meloni in 'Giorgia on my mind'

(Adnkronos) - Un autoritratto sorprendente che farà discutere. E' l'immagine di Giorgia Meloni che emerge dalle interviste che il giornalista Claudio Sabelli Fioretti, già direttore di 'Panorama Mese', di 'Sette', di 'Cuore' e di 'Gente Viaggi', ha fatto alla leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni. Interviste ora pubblicate nel volume 'Giorgia on my mind. Le parole della leader della destra italiana', in libreria con Compagnia Editoriale Aliberti.

"Io - spiega Sabelli Fioretti - la conoscevo, la conosco. A me è simpatica. Non condivido una sola parola, un solo pensiero che abbia Giorgia Meloni. Però devo dire che mi è simpatica. E' una persona intelligente. Allora mi sono detto: ma io l'ho intervistata due volte, andiamo a vedere. Mi sono andato a rileggere le interviste, erano belle. Mi sono detto: mah, io le pubblicherei. Aliberti, l'editore, ha detto 'sì, stupendo'. E allora le abbiamo dato una bella sistemata, un titolo, 'Giorgia on my mind', e adesso è in libreria. Se volete leggerlo, rileggetelo. A me è piaciuto, anche se non sono un giudice obiettivo".

Il libro si apre con la prima intervista rilasciata a Fioretti nel 2006 dalla leader della destra quando era agli inizi della sua ascesa politica. Continua con una lunga conversazione del 2019, quando la Meloni ha sorpassato Salvini e Berlusconi. Il volume è arricchito da un’analisi dell’autore sulla Meloni di oggi, candidata premier alla vigilia delle elezioni; un commento 'sabelliano' alle frasi salienti delle interviste. A chiudere il libro c'è infine una scheda biografica essenziale per capire il profilo politico e umano del personaggio.

Sabelli Fioretti, pur partendo da posizioni opposte a quella della Meloni, come lui stesso ha spiegato, "conduce un dialogo scevro da pregiudizi, affrontando le questioni politiche (la Meloni ha davvero superato il fascismo?) ma anche i risvolti più personali, sentimentali, morali". Un libro, afferma l'editore, "indispensabile, che non si esaurisce con la fine della competizione elettorale, ma che servirà a comprendere i passi futuri della leader politica e il destino del Paese".