Libri: Formigoni, 'in Storia Popolare 60anni di Italia e di politica che ho vissuto intensamente' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Io studio molto -afferma l'ex senatore-; studio tutto ciò che riguarda la politica, l’economia, sia a livello nazionale che internazionale e poi da un po' ho cominciato anche con la teologia". Ma resta la politica il vero amore: "continua ad essere la mia passione -dice- e non mi sento affatto tradito dal lei". Anzi, "continuo a pensare che sia un qualcosa che ti prende e che non abbandona più, perché ti dà il gusto di vedere e di giudicare le cose, di fare delle proposte, di stare in mezzo alle persone per capire i loro bisogni e poi di immaginare, inventare, costruire delle soluzioni".

E' "una cosa che ho scoperto attorno ai 25-30 anni, quando abbiamo fondato il Movimento popolare, è una delle mie vocazioni". Certo, avverte, "ho detto e confermo che non ho intenzione di ributtarmi in prima persona in elezioni o cose del genere, ma posso dire che in futuro assumerò un ruolo di allenatore in panchina, di coach". Del resto "tengo già lezioni di politica a giovani e adulti che me lo chiedono perché vogliono approfondire la visione politica". E quindi "lavorerò su questo e su altri progetti dei quali non è ancora il momento di parlare". Quanto all'evoluzione della sua vicenda, conclude, "voglio usare le parole del professor Franco Coppi, considerato il più importante penalista italiano, che disse di me: 'è un condannato senza una prova e senza nessuna colpa'. Io non aggiungo altro".