**Libri: Premio Terzani, in cinquina Shafak, Vuong, Kodmani, Magnason e Wiener**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Udine, 28 apr. – (Adnkronos) – Hala Kodmani per "La Siria promessa" (Francesco Brioschi Editore), Andri Snær Magnason per "Il tempo e l'acqua" (Iperborea), Elif Shafak per "Non abbiate paura" (Rizzoli), Ocean Vuong per "Brevemente risplendiamo sulla terra" (La nave di Teseo) e Anna Wiener per "La valle oscura" (Adelphi) sono i cinque finalisti della diciassettesima edizione del Premio letterario internazionale Tiziano Terzani, riconoscimento istituito e promosso dall'associazione culturale Vicino/lontano di Udine insieme alla famiglia Terzani, nel segno del giornalista e scrittore fiorentino.

"Nell'anno della pandemia, dall'esito ancora imprevedibile – commenta Angela Terzani, presidente della giuria – abbiamo cercato di individuare dei titoli che esplorassero le inquietudini e il malessere del nostro tempo, per comprendere le ragioni del sentimento di solitudine e infelicità, sia dell'uomo che della natura, che ormai tutti percepiamo. Questo, per restare fedeli allo spirito di Tiziano che ha sempre voluto tentare di capire, e far capire, i risvolti nascosti di quel che turba i popoli e gli individui".

I giurati – Enza Campino, Toni Capuozzo, Marco Del Corona, Andrea Filippi, Milena Gabanelli, Nicola Gasbarro, Ettore Mo, Carla Nicolini, Marco Pacini, Paolo Pecile, Remo Politeo, Marino Sinibaldi – costretti quest'anno dalla pandemia a riunirsi online e non, come sempre, nella casa fiorentina della famiglia Terzani, si sono ora riservati un supplemento di riflessione prima di passare alla votazione finale, prevista per fine maggio. Il vincitore sarà annunciato a inizio giugno e domenica 4 luglio (ore 21) sarà – auspicabilmente in presenza – l'atteso protagonista, a Udine, della serata-evento per la consegna del Premio, appuntamento di chiusura della XVII edizione del Festival Vicino/lontano.