Libri: @scrittorinsalotto, neurologo Sassoli de' Bianchi presenta 'La luna rossa'

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

La piattaforma editoriale multimediale @scrittorinsalotto ancora una volta gioca d’anticipo, inserendo nella sua programmazione su Zoom la presentazione dell'ultimo libro di Lorenzo Sassoli de’ Bianchi, medico neurologo, fondatore di Valsoia e filantropo che esordisce nella narrativa con 'La luna rossa' (edito da Sperling & Kupfer). In programma il 25 febbraio alle ore 18.30 (Piattaforma @scrittorinsalotto ID 761 236 4502 no password).

Il romanzo, introdotto dalla prefazione di Renzo Arbore è una "sorprendente colonna sonora e letteraria" anche su Spotify, che tocca le corde profonde dell’animo umano e temi quali i difficili rapporti tra generazioni, le aspettative di padri e le ambizioni dei figli. Attraverso lo sguardo del protagonista Nino Romano, volato a New York da Napoli, il lettore accompagnato da parole e musica ripercorre la Storia italiana dal dopoguerra ad oggi, il sogno americano e le opportunità che permettono alle giovani generazioni di realizzare le aspirazioni dei progenitori.

Ad accompagnare la performance dell’autore la giovane soprano Laura Macrì, finalista in vari concorsi internazionali, voce già molto conosciuta nel mondo della lirica ma anche della musica leggera , per aver cantato con Nek ed Elio e le Storie tese. Al pianoforte Roberto Macrì, jazzista e keyboard player.

@scrittorinsalotto è nata nel web durante il primo lockdown dall’intuizione della giornalista Flaminia Marinaro con la scrittrice Giulia Alberico e l’attrice Carolina Zaccarini, che hanno unito le loro competenze, si occupa di diffusione editoriale, dialogo con le più svariate personalità della cultura contemporanea, non più in una dimensione verticale ma attraverso l’orizzontalità di un salotto virtuale.

Dopo Donatella Di Pietrantonio, Mario Andreose, Daria Bignardi, Lia Levi, Paolo Di Paolo, Aldo Cazzullo, una novità assoluta, una performance innovativa e spettacolare. Per la prima volta Zoom come forma d’arte.