Libro di Vespa e signore romane, Salvini mantiene il volto moderato e paziente

Giuseppe Alberto Falci

Se drammatizza lo fa solo quando Bruno Vespa gli fa notare che nelle 24 ore precedenti, a proposito del via libera al Mes,  il presidente del Consiglio Giuseppe Conte aveva detto di lui che “rischia di fare il sovranismo da operetta”. Ecco, qui Matteo Salvini sbuffa, si agita, tira fuori dal cilindro una vendetta che spiattella così: “In tutte le riunioni abbiamo sempre detto no al Mes. Conte è un bugiardo, non è la prima volta, la verità verrà fuori”. 

Residenza di Ripetta, è il giorno dedicato alla presentazione del libro dell’ex direttore del Tg1, nonché padrone di casa di “Porta a Porta”. Titolo della strenna natalizia: “Perché l’Italia diventò fascista e perché il fascismo non può tornare”. Si tratta di un grande classico degli appuntamenti cerchiati in rosso nell’agenda della politica italiana. Un tempo qui spradroneggiava Silvio Berlusconi, oggi invece il re della serata è lui: Matteo Salvini. Non a caso Enrico Lucci porta con sé un cartellone con il faccione del Cavaliere e lo poggia sul tavolo dei relatori. Si ride e si scherza, ma poi viene tolto. 

Nelle prime file c’è il solito coté di una Roma mondana e patinata. Ecco allora la contessa Marisela Federici, l’amazzone del garantismo Annalisa Chirico, Pippo Franco, adesso guru di studi esoterici, la vip Camilla Morabito, Augusta Iannini, moglie di Vespa, e poi tanti protagonisti di una certa mondanità capitolina. Spunta anche un soldato del Capitano, il parlamentare Claudio Durigon. “La gente c’è, allora posso andare”, ironizza rivolgendosi allo staff del leader di via Bellerio. Eppoi c’è lui, Salvini, che indossa un abito con tanto di cravatta e camicia bianca, quasi a voler rimarcare la distanza dai giorni delle felpe e del Papeete. Alla destra e alla sinistra di Salvini ci sono Antonio Polito, editorialista del Corriere della Sera, Alessandro Sallusti, direttore del Giornale e appunto Vespa. 

Si parte. E i giornalisti si ritrovano un Salvini che...

Continua a leggere su HuffPost