L'idea di Brunetta: "Renzi con noi"

Renato Brunetta (Photo by Simona Granati/Corbis via Getty Images)


"Un governo di centrodestra si può fare. Subito, già domani, perché il popolo sovrano ha sempre ragione. Basta che Renzi si decida e faccia un governo con noi, centrodestra unito - Lega, FI, Fratelli d’Italia, Noi con l’Italia - e le altre forze che si potrebbero aggregare". A parlare è Renato Brunetta, noto esponente di Forza Italia, in un'intervista con Repubblica.

Secondo l'ex ministro l'idea è fattibile e non sarebbe affatto un "ribaltone". D'altronde, "a livello programmatico con Italia Viva c'è quasi perfetta coincidenza in economia, in politica estera e in molto altro" e il leader toscano "rappresenta da sempre un centro vicino al centrodestra".

Il primo "fondante banco di prova"? Può essere la giustizia: è sufficiente "che Renzi voti con noi sulla giustizia. Lui è contro questa oscena riforma della prescrizione".


GUARDA IL VIDEO: Chi è Matteo Renzi


Brunetta fa anche due conti per validare ulteriormente il suo ragionamento: "Il centrodestra ha attualmente più o meno 275/280 deputati. Ne servono altri 45. Con Italia Viva e 20 grillini che sono già fuori dal Movimento, facciamo un altro governo. E la forza di attrazione di una nuova maggioranza di tal genere e del relativo governo sarebbe crescente, si rafforzerebbe di giorno in giorno".

E il premier? A quel punto, se davvero il deputato forzista avesse ragione e si riuscisse a "dare vita ad una nuova maggioranza e ad un nuovo governo", il premier potrebbe essere "il bravo Giorgetti".



Una maggioranza che anche Matteo Salvini farebbe bene a scegliere, spiega Brunetta, perché "altrimenti rischia di trovarsi davanti altri tre anni all’opposizione". A maggior ragione dal momento che, dopo le regionali in Emilia-Romagna, il leader della Lega "è un uomo sempre più solo al comando".