Lidl, ritirati cornflakes bio: possibili rischi per la salute

Lidl, ritirati cornflakes bio: possibili rischi per la salute
Lidl, ritirati cornflakes bio: possibili rischi per la salute

Il Ministero della Salute ha disposto il richiamo dei cereali della Crownfield, cornflakes di mais biologici, a causa della potenziale presenza di aflatossine, muffe pericolose. Nella nota informativa che è stata diffusa, non è stato indicato un numero specifico di lotto: si tratta, infatti, di confezioni da 375 grammi che riportano le date di scadenza del 29 maggio 2023, 30 maggio 2023 e 4 giugno 2023. Il prodotto che è stato ritirato dal commercio a titolo precauzionale arriva dallo stabilimento Mecklenburger straße a Lübeck, in Germania, per conto della Nordgetreide GmbH Co. KG che fornisce i supermercati Lidl. Se si fossero acquistati i prodotti segnalati, le autorità sanitarie raccomandano di non consumarli e di riportarli immediatamente nei punti vendita Lidl per ricevere il rimborso della spesa.

GUARDA ANCHE: Esselunga, Coop o Aldi? Quali sono i supermercati preferiti dagli italiani?

Il richiamo dei cornflakes di mais biologici è avvenuto a causa della presunta presenza di aflatossine, ossia muffe potenzialmente pericolose facenti parte del gruppo delle micotossine. Possono essere fonte di intossicazioni lievi o gravi a livello di fegato, dei reni, dei centri nervosi e del tratto digestivo. In alcuni casi queste muffe possono rivelarsi addirittura cancerogene. Le aflatossine sono presenti in particolare nei mangimi, nei cereali, nella farina, nel latte e nella frutta secca.

Lidl, ritirati cornflakes bio: possibili rischi per la salute
Lidl, ritirati cornflakes bio: possibili rischi per la salute

Se dovesse capitare di vedere un cibo contaminato da qualche muffa è meglio non mangiarlo e buttarlo. nella maggior parte dei casi, non è sufficiente eliminare solo la parte visibilmente deteriorata perché le muffe possono già aver intaccato il resto del prodotto, anche molto in profondità. In caso di intossicazione grave si possono avvertire danni epatici, delle emorragie ed edemi, forti dolori addominali, vomito, talvolta disturbi mentali, stati confusionali, problemi digestivi e convulsioni. A volte, nei casi di lieve ingestione di aflatossine non si nota nessun tipo di sintomo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli