In Liguria apriranno 15 sportelli del "maggiordomo di quartiere"

Fos

Genova, 28 ott. (askanews) - In Liguria verranno aperti 15 sportelli del "maggiordomo di quartiere", un progetto di welfare territoriale mirato al sostegno e all'ascolto delle famiglie, dei lavoratori e dei soggetti deboli in un ambito di prossimità. I "maggiordomi" aiuteranno infatti i cittadini in piccole incombenze quotidiane come fare la spesa o innaffiare le piante.

I destinatari di questa iniziativa, promossa dalla Regione Liguria sulla scia del successo di un'esperienza svolta tra giugno e settembre nel centro storico di Genova, sono soggetti in temporanea difficoltà economica, che verranno formati come "maggiordomi di quartiere" attraverso tirocini e work experience. Con l'avviso pubblico aperto il 24 ottobre, che si chiuderà il 6 dicembre, verranno attivati 15 sportelli in tutto il territorio regionale, grazie ad un finanziamento di 2 milioni di euro del Fondo sociale europeo.

"Abbiamo deciso di estendere l'esperienza di quest'estate - spiega il governatore della Liguria Giovanni Toti - dopo aver constatato che era terminata con reciproca soddisfazione di chi ci ha lavorato e di chi ha usufruito dei servizi. Si tratta naturalmente di qualcosa in più rispetto alle attività dei servizi sociali. E' un'iniziativa - conclude Toti - mirata ad individuare esigenze piccole ma che hanno a volte grande incidenza sulla vita delle persone".