Liguria, docente ricoverata in rianimazione dopo il vaccino

·1 minuto per la lettura
Vaccino
Vaccino

Una giovane insegnante di 32 anni è stata trasportata al Policlinico San Martino di Genova, dopo aver manifestato un principio di trombosi. Circa dieci giorni prima del trasferimento in ospedale, la paziente era stata vaccinata contro il coronavirus con il siero prodotto da AstraZeneca

Genova, insegnante vaccinata con AstraZeneca in rianimazione

Una donna di 32 anni si trova attualmente presso il Policlinico San Martino di Genova: la paziente è stata soccorsa in casa ed è stata ricoverata d’urgenza nel reparto di Rianimazione poiché evidenziava sintomi compatibili con un quadro trombotico ed emorragico cerebrale.

La vicenda è stata segnalata dalla stessa Direzione dell’ospedale policlinico San Martino che ha anche provveduto a rendere noto alcune specifiche informazioni sulla donna, diramando una nota ufficiale. La paziente lavora nella Regione come insegnante ed è stata “vaccinata presso la Asl di residenza in Liguria con vaccino AstraZeneca in data 22 marzo e con esordio sintomatologico dal 2 aprile”. Il ricovero, invece, è stato effettuato nel corso della giornata di sabato 3 aprile.

Nella nota redatta dal nosocomio genovese, inoltre, è stato comunicato che “la Direzione del Policlinico ha attivato le previste segnalazioni nell’ambito delle procedure di farmaco sorveglianza verso Aifa”.

Nonostante le rassicurazioni giunte dall’Ema in relazione all’efficacia e alla sicurezza del vaccino AstraZeneca, quindi, pare continuino ad aumentare i fenomeni tromboembolici tra i soggetti ai quali è stato destinato il siero anglo-svedese.

GUARDA ANCHE - Per l'agenzia britannica del farmaco "il vaccino di AstraZeneca ha più benefici che rischi"