Liliana Segre saluta i partecipanti della “Retromarcia su Roma”

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 27 ott. (askanews) - La senatrice Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto, ha inviato un sentito messaggio a tutti i partecipanti della grande manifestazione la "Retromarcia su Roma". "Saluto con piacere tutte e tutti i partecipanti alla 'Retromarcia su Roma'. Bambini, artisti, famiglie, rappresentanti delle Istituzioni, pedalatori, passanti. Il titolo dell'iniziativa ci invita a riavvolgere il nastro della storia per guardare indietro senza perdere la testa. Come si legge ne 'La Montagna Incantata' non a tutti capitano tutte le storie. Per me che sono una donna di pace po' sommersa è un po' salvata, di storie ne sono capitate tante ecco perché uso la bussola della Memoria. È importantissimo tornare sui luoghi dei delitti. Pedalando si esercita la memoria. Ricordare non è un atto passivo: è un impegno per il presente e per il futuro. La Memoria è essenziale per intendere ed accoglier la diversità di cui noi stessi siamo parte ed ancora, serve a raccontare, rimotivare la nostra conoscenza del passato. La memoria è un rammendo imperfetto di un percorso di guarigione civile, percorso che serve a mantenere in buona salute la democrazia. La memoria è la funzione del mondo. Buona retromarcia a tutti e grazie", ha scritto in una nota Segre, che nel suo intervento al Senato il 13 ottobre, quando ha presieduto l'Aula, ha ricordato come il centenario della Marcia su Roma, che dette inizio alla dittatura fascista, le provochi ancora oggi "una sorta di vertigine". Il clou dell'evento si terrà all'Anfiteatro Alessandrino nel cuore della periferia romana il 28 ottobre 2022, esattamente cento anni dopo la calata delle Camicie Nere su Roma. Con la partecipazione di: Têtes de Bois, Alessandro Mannarino, El Grito Circo contemporaneo all'antica, Chiara Civello, Pino Marino, Andrea Calabretta, Paolo Locci, Ascanio Celestini, Alessandra Vanzi, Valentina Carnelutti, Marino Sinibaldi, Miguel Gotor, Marco Delogu, Giulio Cederna, Maria Grazia Calandrone, Mohamed Keitha e Fabio Magnasciutti, gli alunni dell'Istituto Mazzini con il Prof. Enrico Castelli Gattinara e molti altri ospiti. Ma la Retromarcia non si limiterà solo del 28 ottobre, è infatti già in corso una camminata di nove giorni e di 196 chilometri- dal 22 al 30 ottobre - da Roma ad Assisi, luogo simbolo di pace, coordinata da Paolo Piacentini. In questa Retromarcia, inoltre, un vagone di Trenitalia in partenza domenica 30 ottobre alle 10.05 da Roma Termini per Assisi percorrerà la linea lenta, mentre si potranno ascoltare i pensieri di ragazze e ragazzi della Scuola Giuseppe Mazzini assistiti dal Prof. Enrico Castelli Gattinara, oltre ai volti di vari personaggi, tra cui lo scrittore e accademico Alessandro Portelli, lo storico e Assessore alla Cultura del Comune di Roma Miguel Gotor, l'operatore culturale Giulio Cederna, i performer Gianluigi Capone, Emanuele Avallone, Daniele Spadaro, il geologo e divulgatore scientifico Mario Tozzi, la band musicale dei Têtes de Bois, lo sceneggiatore e regista Toni Saccucci, autore del film "La Marcia su Roma", l'organettista Alessandro D'Alessandro.