L'imbarazzante amicizia tra Bill Gates e Jeffery Epstein raccontata dal NYT

massimo basile

Jeffrey Epstein, il milionario accusato di traffico sessuale di minorenni e morto suicida in carcere il 10 agosto, frequentava molti personaggi, da Bill Clinton al Principe Andrea a Donald Trump. Adesso all'elenco si è aggiunto il nome del fondatore di Microsoft, il filantropo Bill Gates. L'uomo accreditato di un patrimonio personale da 100 miliardi di dollari, e fondatore di una delle organizzazioni di beneficenza più grandi al mondo, aveva minimizzato il suo rapporto con Epstein. Il New York Times ha ricostruito l'amicizia tra i due, fissando una data di inizio: il 2011.

Almeno in tre occasioni Gates andò a trovare il finanziere nel suo appartamento di Manhattan, e lo stesso fecero alcuni dipendenti della sua fondazione. Con Gates e la moglie Melinda, il finanziere discusse alcune iniziative caritatevoli. "Il suo stile di vita", scrisse il fondatore di Microsoft in una email indirizzata ad amici, dopo l'incontro, e pubblicata dal New York Times, "è molto diverso dal mio e per certi versi intrigante anche se non è fatto per me".

"Gates si riferiva solo all'arredamento del suo appartamento", ha spiegato la portavoce del fondatore di Microsoft, Bridgitt Arnold. "Non c'è mai stata approvazione - ha precisato - del suo stile di vita e neanche interesse". Però quando i due si incontrarono, il passato di Epstein era già noto: il finanziere aveva scontato un breve periodo in carcere per sfruttamento della prostituzione minorile, e aveva precedenti per abusi sessuali.

"Il signor Gates - ha concluso la portavoce - si pente di averlo incontrato e riconosce che fu una valutazione errata". Tra gli incontri che il giornale ha ricostruito ce n'è uno in particolare, quello avvenuto il 31 gennaio 2011 nell'appartamento del finanziere nell'Upper East Side di Manhattan. All'incontro si unirono una ex Miss Svezia, che aveva avuto una storia con Epstein, e la figlia di 15 anni. L'incontro cominciò alle 8 di sera e andò avanti per molte ore.

"Bill è un grande", commentò in una mail, il finanziere. Il fondatore di Microsoft, a sua volta, sempre per email, aveva lodato l'intelligenza e il fascino del padrone di casa. "Una donna svedese molto bella", aveva scritto, "e la figlia sono capitate nell'incontro e io ho finito per restare fino a tardi".

Gates e Epstein si rividero, poco tempo dopo, a un evento pubblico, a Long Beach, California e poi a maggio di nuovo nell'abitazione newyorkese del finanziere. L'amicizia si consolidò al punto che Gates fu ospite dell'aereo personale del finanziere, anche se poi spiegò di non sapere che fosse di Epstein. Nell'ottobre 2014, il fondatore di Microsoft donò due milioni di dollari al Mit, in quella che, in un'altra email, veniva definita come una donazione "diretta" da Epstein. La fondazione ha smentito qualsiasi legame con il finanziere. Gli ultimi incontri tra i due risalgono al 2017.