L'impeachment torna al Russiagate. Trump promette un terremoto dal rapporto Durham

Giulia Belardelli

Donald Trump va all’attacco dei democratici e dell’indagine per impeachment in corso alla Camera dei Rappresentanti. “Per loro è difficile”, ha detto il presidente Usa in collegamento con la trasmissione tv Fox and Friends, perché “non hanno assolutamente nulla” in mano. “Voglio un processo”, ha detto ancora Trump, che ha definito “corrotto” e “pazzo” il deputato democratico Adam Schiff, a capo ell’indagine per impeachment, e ha dato della “matta” alla speaker democratica della Camera, Nancy Pelosi.

Pur dicendosi fiducioso sul fatto che non verrà messo in stato d’accusa, il presidente ha detto di “volere un processo al Senato”, se la Camera procederà con la richiesta di impeachment. E mentre i senatori e funzionari a lui più vicini si sono riuniti ieri per delineare una strategia processuale (un dibattimento veloce, massimo due settimane a gennaio), a Fox News il tycoon ha anticipato quale sarà la strategia mediatica della Casa Bianca per le prossime settimane.

A tenere banco saranno i due rapporti voluti da Trump e dai repubblicani sul Russiagate. Prima uscirà quello condotto dall’ispettore generale del Dipartimento di Giustizia Michael Horowitz: verrà reso pubblico il 9 dicembre e avrà una portata “storica”, ha assicurato il presidente. “Quello che vedremo”, ha detto collegandosi al telefono con la trasmissione tv Fox and Friend, “sarà forse il più grande scandalo nella storia del nostro Paese”. Si tratta di un’indagine interna sui presunti abusi compiuti all’epoca da funzionari del Dipartimento di Giustizia e dell’Fbi ai danni della campagna elettorale del tycoon. In particolare, i repubblicani sospettano che vi siano stati abusi e manipolazioni per ottenere dal tribunale speciale Fisa (Foreign Intelligence Surveillance Act) l’autorizzazione a mettere sotto sorveglianza elettronica esponenti della campagna.

Ma “ancora più importante” - ha aggiunto The Donald – poco dopo il rapporto...

Continua a leggere su HuffPost