L'impianto del Recovery plan resta "totalmente insufficiente", dice Bellanova

·1 minuto per la lettura

AGI -  "La crisi si è aperta quando con un colpo di mano si è tentato di inserire una norma sulla governance del Recovery mai condivisa", lo ha affermato la ministra dell'Agricoltura e coordinatrice nazionale di Italia viva Teresa Bellanova, in un'intervista a La Stampa in cui ha ribadito che l'impianto del Recovery plan resta "totalmente insufficiente" e resta irrisolto il tema del Mes. "Le nostre decisioni saranno conseguenti e le preciseremo nella conferenza stampa" di mercoledì 13 gennaio.

"Riconosciamo i passi avanti, ma non ci soddisfano", ha detto Bellanova, "se l'impianto è in parte migliorato, rimane però totalmente insufficiente. Oltretutto nel testo che abbiamo avuto non vi è alcun riferimento alla governance. A me non pare cosi' normale trovarsi sempre di fronte muri di gomma".

Sulla crisi "ci muove solo e soltanto la responsabilità istituzionale, quelle risorse sono fondamentali per il Paese", ha assicurato, "siamo persone serie. Chi dice che se si apre la crisi di governo saltano i ristori per le attività colpite dalle chiusure di queste ultime settimane dice il falso, avvelena i pozzi".

"Ho chiesto che fosse calendarizzato subito dopo Capodanno lo scostamento di bilancio e decise le misure sui ristori. Ribadiamo la disponibilita' di Italia Viva ad approvarli. Ma soffiare così sul disagio sociale è imperdonabile".

"La terza ondata di contagi e la crisi economica obbligano tutti a un di più di responsabilità, non alla distribuzione di sonniferi. La terza ondata, se arriverà e mi auguro proprio di no, deve vederci preparati, non imbalsamati. Il governo e' chiamato a risolvere l'emergenza, non può essere l'emergenza a tenere in vita il governo", ha concluso.