L'inatteso effetto della guerra in Ucraina sul piatto dei giapponesi più poveri

Mint Images / Afp

AGI - Presto i prezzi delle economiche ciotole di 'soba' noodles aumenteranno per la prima volta in quasi un decennio, poiché l'aumento dei costi delle materie prime legato all'invasione russa dell'Ucraina avranno un impatto anche sui popolari spaghetti di grano saraceno del Giappone.

Mangiati dalla maggior parte dei giapponesi, immancabili sul menu di Capodanno - portano buona fortuna per l'anno che arriva - e ora di moda anche tra i giovanissimi europei, gli economici soba noodles sono fatti di grano saraceno in gran parte proveniente dalla Russia, primo produttore mondiale di questo cereale.

Il grano saraceno russo può ancora essere importato, ma l'instabilità e le interruzioni delle spedizioni hanno ostacolato e ritardato l'approvvigionamento.

A questo si sono aggiunte le difficoltà che stanno incontrando i negozianti di soba come Ishihara, a causa dell'impennata globale dei prezzi delle materie prime, insieme al crollo dello yen.

La salsa di soia, farina, le verdure usate per i condimenti tempura e persino il prezzo del pesce usato per il brodo è aumentato.

"I fornitori hanno fatto tutto il possibile, ma questa volta la situazione è così grave che non c'è modo di evitare di aumentare i prezzi. Alcuni prodotti aumenteranno necessariamente dal 10 al 15 per cento", ha spiegato un negoziante di Tokyo intervistato da Reuters.

Soba è un popolare pasto economico servito freddo o caldo, spesso consumato rapidamente da lavoratori e studenti in negozi angusti che possono ridurre i costi facendo a meno dei posti a sedere.

Il basso contenuto calorico dei noodles e il nutriente contenuto di vitamine e minerali li rendono anche un cibo sano. I prezzi vanno da 290 yen (2,25 dollari) fino a 550 yen, con componenti aggiuntivi come tempura e set con riso che costano di più.

"Ora, con il guerra, anche il costo dell'importazione del grano saraceno è aumentato", ha affermatoancora il commerciante.

Nonostante lo status iconico di Soba, il Giappone nel 2020 ha prodotto solo il 42% del suo fabbisogno di grano saraceno, secondo la Japan Soba Association. Il divario è colmato dalle importazioni, con la Russia la terza fonte di grano saraceno dal 2018, secondo il ministero dell'Agricoltura.

Nel 2021, la Russia è salita al secondo posto, soppiantando la Cina, e fino a febbraio era la numero uno.

Poi c'è stata l'invasione dell'Ucraina, che si è aggiunta all'impennata dei prezzi delle materie prime, mentre lo yen giapponese è precipitato ai minimi da 20 anni.

Inoltre, le sanzioni e la repressione del sistema bancario russo, che hanno congelato Mosca fuori dalla finanza internazionale, hanno reso più difficile regolare alcuni conti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli