L'incendio di Roma riaccende le polemiche sull'immagine della capitale

no credit

AGI - Non si esclude alcuna pista per l'incendio che sabato pomeriggio ha sconvolto la periferia est di Roma, partito nella zona degli autodemolitori sulla via Palmiro Togliatti.

Dopo una notte di lavoro delle squadre di vigili del fuoco, le fiamme sono state messe sotto controllo ma una cinquantina di pompieri hanno proseguito nell'opera di bonifica e raffreddamento dei materiali stoccati nelle attività di autodemolizioni, anche con l'impiego di escavatori.

Dall'area ancora al mattino si levava un forte odore di bruciato con vapori maleodoranti. I pm hanno formalmente avviato un'inchiesta alla luce delle informative trasmesse dalle forze dell'ordine.

Al momento, chi indaga "non può escludere nulla", fanno sapere da Piazzale Clodio, anche se è troppo presto per ipotizzare moventi mafiosi. Già nelle scorse settimane la procura ha avviato singoli fascicoli sui quattro maxi roghi che hanno interessato Roma a partire da metà giugno.

Viale Palmiro Togliatti, un'arteria molto importante, è rimasta parzialmente chiusa mentre sono tornate nelle loro abitazioni le persone evacuate per precauzione da quattro palazzine del Casilino.

Il rogo si è sviluppato nelle attività di autodemolizione e nella vegetazione tra via Togliatti, via Casilina, via dei Romanisti e via Fadda, nella zona di Centocelle. Secondo alcuni abitanti della zona, però, le fiamme sarebbero partite dall'ex campo rom Casilino 900 prima di estendersi ad almeno tre autodemolitori che sono stati distrutti.

Alcuni giornalisti e operatori tv che si sono recati nella zona distrutta dall'incendio sono stati minacciati. Stampa Romana ha riferito che si erano "avvicinati al luogo degli inneschi per informare i cittadini" ma hanno subito minacce e uno "in particolare è stato preso a calci mentre riprendeva".

Incendio a Centocelle. Aggrediti i colleghi. Un film già visto.

“ Riteniamo ancora una volta che senza una nuova norma penale sull'ostacolo all'informazione non ci sarà modo di tutelare realmente i colleghi”

Il nostro comunicato➡️ https://t.co/NMxjoZIjC0#StampaRomana pic.twitter.com/Q8PB3HwU0Z

— Stampa Romana (@Stamparomana) July 10, 2022

Sotto accusa per questo rogo ci sono soprattutto le attività di autodemolizione a Centocelle: "Occorre delocalizzare improrogabilmente gli autodemolitori, chiudendo definitivamente quelli abusivi ed alzando l'asticella dei parametri che permettano la legittimità ad operare", ha affermato il presidente del Wwf Roma, Raniero Maggini.

Anche i parroci della zona puntano il dito contro queste attività e denunciano "l'inerzia della politica". "Roma è sotto attacco", ha denunciato la deputata dem Beatrice Lorenzin dopo che il sindaco Roberto Gualtieri aveva chiesto che non ci fossero speculazioni politiche.

"Il movente lo accerterà la magistratura, ma l'effetto è destabilizzante per la sicurezza dei cittadini e l'immagine della Capitale".

Intanto i sindacati dei Vigili del Fuoco avvertono che il loro Corpo è "sottodimensionato" anche perchè nei prossimi anni tra quota 100 e pensionamenti si perderanno circa 12 mila unità nei ruoli operativi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli