L'incubo di una bambina di Vercelli abusata per anni da un amico di famiglia

Foto: Pixabay

AGI - Anni di molestie e violenze sessuali, iniziate quando lei aveva solo 7 anni e poi proseguite nel tempo, fino al momento della denuncia. È la storia di una giovane donna vercellese, che nello scorso mese di gennaio aveva raccontato agli operatori della Polizia di Stato la drammatica vicenda di cui sarebbe stata vittima.

Autore delle violenze - iniziate come giochi apparentemente innocenti, soprattutto agli occhi di una bambina, e poi spintisi sempre più in la', fino al rapporto sessuale completo - un amico di famiglia, un 68enne vercellese.

Teatro della vicenda una località turistica in Valsesia, dove la vittima era solita trascorrere le vacanze estive con la famiglia. Secondo il racconto della ragazza, l'uomo, oltre a costringerla a subire ripetutamente e per anni le violenze, l'ha a lungo minacciata di fare del male ai suoi nonni per costringerla a mantenere il segreto.

Dopo la denuncia, la Squadra Mobile di Vercelli ha portato avanti un accurata indagine che ha consentito di raccogliere numerosi e univoci indizi di colpevolezza nei confronti dell'uomo. Il Gip del Tribunale di Vercelli, su richiesta della Procura della Repubblica, ha così adottato un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. L'uomo è stato arrestato. A suo carico risultano precedenti per reati in materia sessuale e contro la persona.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli