Lingua: da Società Dante Alighieri Dante.global, Riccardi:‘atto di fiducia nel suo futuro’

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 14 apr. (Adnkronos) – Uno strumento agile che consente di diffondere l’italiano nel mondo facendo leva sulla lingua, sulla cultura e sulla formazione. La Società Dante Alighieri, nell’anno in cui si celebrano i 700 anni dalla morte del Sommo Poeta, vara la piattaforma Dante.global illustrata oggi alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e realizzata con il contributo del ministero degli Affari Esteri e con media partner Rai Cultura e Rai Italia. Uno strumento messo in atto, ha scandito il presidente della Società Dante Alighieri, Andrea Riccardi, con lo spirito di “erigere un monumento a Dante non nelle piazze, come facevamo un tempo, ma un monumento fatto di fiducia nel futuro della nostra lingua”.

In particolare la piattaforma potrà contare su 8830 corsi di italiano nel mondo disponibili su un solo dispositivo, 482 comitati locali riuniti in una sola grande rete digitale, 134mila ‘italsimpatici’ legati da un’unica grande passione, 7 scuole di italiano, 315 centri di esame Plida (Progetto Lingua italiana Dante Alighieri) 86 presidi letterari.

“La pandemia – ha osservato Riccardi – ovviamente ha creato gravi problemi nell’insegnamento, mettendo in discussione un sistema collaudato. Bisognava reagire e allora abbiamo visto nella crisi anche un’opportunità: creare una grande piattaforma informatica con la triplice missione di insegnare l’italiano a distanza, anche con aule ibride che combinino presenza e distanza, formare e aggiornare gli insegnanti e infine divulgare la cultura e il libro italiano. Insomma, ci siamo mossi per fare della crisi un’occasione di crescita”.