Lingue, Sant'Egidio, sposato: chi è il nuovo "portavoce" vaticano

Ska

Città del Vaticano, 22 lug. (askanews) - L'impegno con la comunità di Sant'Egidio nelle periferie romane, la versatilità nelle lingue e la prospettiva internazionale, come emerge anche dal suo luogo di nascita, nel Regno Unito, carattere discreto e stacanovista: Matteo Bruni, 42 anni, sposato con una figlia, è da oggi il nuovo "portavoce" vaticano. Portavoce tra virgolette, perché il nuovo "direttore della sala stampa della Santa Sede", come recita l'incarico ufficiale, avrà prevedibilmente un ruolo maggiormente operativo dei suoi predecessori, nel quadro della profonda riforma impressa da Papa Francesco al mass media vaticani.

"La nomina è certamente per me un onore", ha detto Bruni nella sua prima intervista, affidata a Vatican News. "Mi piace leggerla come un segno di stima non solo per la mia persona, ma anche per la storia da cui provengo e il lavoro fatto con i colleghi della Sala Stampa della Santa Sede. Sono grato della fiducia del Santo Padre e del Prefetto, Paolo Ruffini, che mi sostiene con la vicinanza del Dicastero. E' evidentemente anche una scelta che valorizza le risorse interne. La Sala Stampa è una struttura non grande, ma complessa, con una varietà di funzioni articolate e non tutte immediatamente evidenti, neppure a chi la frequenta con assiduità: credo che conoscerla dall'interno possa risultare utile per una realizzazione più profonda della riforma dello stesso Dicastero".

Nato il 23 novembre del 1976 a Winchester, in Gran Bretagna, laureato in Lingue e letterature straniere moderne e contemporanee nell'Università La Sapienza di Roma, Bruni parla bene inglese, spagnolo e francese, ma conosce anche il serbo e il russo. Un taglio internazionale che è giù un indicazione per il futuro: "Nella realtà in cui mi trovo, di una comunicazione ufficiale chiara, trasparente degli avvenimenti, che contribuisca alla lettura della complessità del mondo in cui viviamo. Penso a una comunicazione che arricchisca la comprensione del contesto in cui gli eventi avvengono. Il pontificato di Papa Francesco si racconta già attraverso i suoi gesti, le sue parole, le sue scelte, ma la portata storica di alcuni eventi talvolta si comprende meglio in una prospettiva più larga. In questo senso vorrei contribuire a rendere la Sala Stampa sempre più un punto di riferimento per i giornalisti che raccontano il Papa e la Santa Sede al mondo intero".

Presenza nota ai giornalisti che seguono il Papa in sala stampa vaticana e nei viaggi internazionali, Matteo Bruni lavora dal luglio del 2009 presso la sala stampa della Santa Sede, dove ha seguito le operazioni di accreditamento dei giornalisti e la gestione delle comunicazioni operative alla stampa in qualità di coordinatore della Sezione Accrediti. Nel dicembre del 2013 ha assunto la responsabilità dell'organizzazione e dell'accompagnamento della stampa ammessa al volo papale in occasione dei viaggi del Santo Padre fuori Italia. All'inizio dell'anno 2016 è divenuto Coordinatore del settore Media Operations e Accrediti della Sala Stampa della Santa Sede, in tale ruolo ha coordinato la partecipazione della stampa ai diversi eventi del Giubileo della Misericordia. Un compito che Bruni ha sempre svolto con efficienza e senza risparmiarsi.

Se lo storico portavoce vaticano di Giovanni Paolo II, Joaquin Navarro Valls, era dell'Opus dei, e il portavoce di Benedetto XVI e dei primi anni di Francesco, Federico Lombardi, è gesuita, Matteo Bruni proviene dalle fila della comunità di Sant'Egidio. "Negli ultimi anni, nella mia vita professionale, il rapporto con i media è stato sempre piuttosto intenso. Anche se da dietro le quinte, ho cercato di fare in modo che il mio lavoro contribuisse ad un'informazione corretta, tentando di trasmettere alcuni temi portanti del pontificato", spiega. "In questo senso il nuovo incarico lo interpreto in continuità con il precedente: un comunicatore al servizio del Santo Padre e della Santa Sede, che mette a disposizione il suo bagaglio umano e professionale. Qui entrano in gioco tanti fattori: l'esperienza professionale, ma anche quella di padre e marito. Sono accompagnato dal sostegno di mia moglie e dall'affetto di mia figlia. Ma direi anche l'impegno accanto ai poveri delle periferie a Roma e nel mondo, che ho vissuto con la Comunità di Sant'Egidio sin da giovane studente liceale. Oggi mi si chiede un passo in più e, accettando di compierlo, non posso che continuare a lavorare, al servizio del Papa e della Santa Sede, con la mia sensibilità, che resta quella di una Chiesa di tutti, particolarmente dei poveri".

Il nuovo direttore succede ad Alessandro Gisotti, della scuderia di Radio vaticana, che era stato chiamato a guidare la sala stampa vaticana dopo le improvvise dimissioni di Greg Burke a fine dicembre 2018, e a fine della scorsa settimana ha concluso l'"interim" di un semestre impegnativo "anche e soprattutto per la mia famiglia", come ha detto egli stesso indicando le ragioni della sua scelta. La nuova nomina (a cui seguirà, nelle prossime settimane, la scelta di un o una viceportavoce) si inserisce nella riforma bergogliana dei media vaticani (sala stampa, Osservatore Romano e ufficio fotografico, Radio vaticana, Centro televisivo vaticano, Libreria editrice vaticana, e poi il sito Vatican News, nonché i canali Twitter, Facebook, Instagram: autonomo Civiltà Cattolica, lo storico quindicinale dei gesuiti stampato con l'imprimatur della Segreteria di Stato vaticana). Con la creazione di una Segreteria per la comunicazione (poi: dicastero per la comunicazione) inizialmente affidata a mons. Dario Edoardo Viganò, questa riforma ha avuto una accelerazione con la conclusione del mandato di Viganò (inciampato in un noto incidente di ritocco di una lettera di Joseph Ratzinger) e la nomina dapprima di Paolo Ruffini alla guida del dicastero, primo prefetto laico della Curia romana, ex direttore di Rai3 e Tv2000 (5 luglio 2018), poi con la nomina alla direzione editoriale di Andrea Tornielli, vaticanista di lungo corso e rinomata esperienza, e di Andrea Monda alla guida dell'Osservatore Romano (18 dicembre 2018). Il coordinamento di un sistema nel quale con gli anni non erano mancate le cacofonie è aumentato e nel corso dei mesi si è andato sempre più definendo il ruolo di indirizzo del dicastero. Ora Alessandro Gisotti diviene, insieme ad un altro nome storico della Radio vaticana, Sergio Centofanti, vicedirettore di Tornielli: un passaggio che "chiarisce che la Direzione editoriale istruisce le scelte interpretative e comunicative di tutti i media papali", come scrive nel suo blog un conoscitore di cose vaticane quale il vaticanista Luigi Accattoli. "Paolo Ruffini governerà la galassia, curandone l'assetto istituzionale e organizzativo, nonchè il rapporto con il Papa e la Curia; Andrea Tornielli, coadiuvato dai due vice, detterà la linea giornalistica". E la sala stampa vaticana, nelle parole del suo nuovo direttore, sarà "sempre più un punto di riferimento per i giornalisti che raccontano il Papa e la Santa Sede al mondo intero".