L'insorgenza di nuovi contagi fa scattare il protocollo d'emergenza

·1 minuto per la lettura
Coronavirus Cina Continentale
Coronavirus Cina Continentale

Il mondo intero è alle prese con l’emergenza coronavirus, con tanti paesi che rischiano di tornare a situazioni critiche già affrontate nei mesi scorsi. Dall’Ansa si apprende che in Cina Continentale, nella giornata di ieri, 10 novembre, sono stati riportati 22 casi covid-19, dei quali solo uno trasmesso localmente, mentre tutti gli altri risulterebbero importarti. Come riferito dalla Commissione Sanitaria Nazionale nel consueto bilancio giornaliero, il caso di trasmissione locale sarebbe avvenuto a Shanghai e, al momento, non ci sarebbero altre situazioni sospette o decessi relativi alla malattia.

LEGGI ANCHE: Covid-Cina, a Kashgar rilevato focolaio con 137 positivi

Coronavirus, nuovo caso in Cina Continentale

Quanto ai 21 casi importati, le autorità sanitarie fanno sapere che sei sono stati riscontrati nel Guangdong, quattro a Shanghai, tre sia nel Fujian che nel Sichuan, due a Pechino e uno ciascuno a Tianjin, nello Zhejiang e nello Shaanxi. Casi molto distribuiti nel territorio, il che obbliga a tenere alta la soglia dell’attenzione per evitare che possano nascere dei nuovi cluster epidemiologici di grandi dimensioni.

I numeri della Cina Continentale riportano 3.624 casi importati totali di cui 3.258 relativi a soggetti dimessi dopo essere guariti e 366 persone in cura negli ospedali. Nessuna informazione invece in merito al numero dei morti. Quanto al numero totale dei casi confermati nel paese da inizio epidemia il dato è di 86.267 con 426 pazienti ancora in cura, di cui sei in condizioni gravi. Sono 81.207 le persone dimesse dopo essere guarite e 4.634 quelle decedute per la malattia.