L'interesse dell'Arsenal, il messaggio di Allegri, il gol ritrovato: Napoli, Petagna non è solo l'alternativa a Osimhen

Angelo Taglieri
·2 minuto per la lettura

Il gol latitava dal 28 giugno 2020. Mancavano 10 giornate alla fine del campionato, la Spal affondava in classifica e lui trovò il gol contro… il Napoli. Che lo aveva già preso da gennaio. Eppure, Andrea Petagna, timbrò il suo cartellino nel 3-1 partenopeo. Dal Napoli al Napoli, perché ieri, da giocatore azzurro, ha riassaporato l’ebrezza della rete che si gonfia, della rete che porta alla vittoria (questa, invece, mancava dal marzo 2020), della rete che scaccia via tutti i brutti pensieri, di quelli che occupano la testa di un attaccante quando la palla non supera il portiere.

GOL PESANTE - Entrato sull’1-1 nel derby campano tra Napoli e Benevento, il bomber scuola Milan l’ha risolta, dando 3 punti importanti alla squadra di Gattuso, che ha vinto tutte e 4 le partite di campionato in cui è scesa in campo. Un destro sporco, brutto ma buono, scorbutico, ma prezioso Ed è una bella soddisfazione per l’ex Atalanta e Spal, che sembrava arrivato per andarsene via. "Pedina di scambio per arrivare a Belotti", "tesoretto da reinvestire". No, niente di tutto questo. Anzi...

ARSENAL E ALLEGRI - Gattuso lo stima, per questo lo ha voluto, per questo, insieme a De Laurentiis, ha respinto l’interesse dell’Arsenal dello scorso agosto: Arteta cercava un centravanti con le sue caratteristiche, da calcio inglese, ma i partenopei non hanno voluto sentire ragioni. Niente da fare, Petagna resta. E ora il classe '95 esulta, sui social, postando la foto della sua esultanza su Instagram dal telefonino, lo stesso telefonino dove c’è quel messaggio di Massimiliano Allegri, tecnico che lo ha lanciato in A, che dà forza nei momenti più difficili: “Puoi sbagliare tutto, ma non l’atteggiamento”. Giusto, anche ieri. Doveva essere l’alternativa a Osimhen, è stato la perfetta spalla, prendendosi la scena e riscoprendo la gioia del gol. O’Bulldozzer è turnat.

@AngeTaglieri88