L'internista, serve assistenza continuativa su misura per gli adolescenti con malattie rare

La transizione ai 'medici dei grandi 'deve garantire agli adolescenti continuità di cure di qualità, secondo Raffaele Manna, internista dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma